Gli allarmismi pericolosi

Oltre a quanto scritto dai biotecnologi di ANBI e da 14 società scientifiche riunite in FISV (che rappresenta nel suo insieme più di 7000 ricercatori), arriva una nuova, pesante presa di posizione sulle analisi di CORVELVA, pagate fra l’altro dall’ordine nazionale dei biologi e pubblicate in prima pagina dal quotidiano il Tempo, da parte di un nutrito gruppo di professori e medici Italiani che risiedono nel nostro Paese o all’estero.

Sono oltre 130 ricercatori, più di 130 scienziati che il mondo ci invidia. Tra di loro c’è per esempio chi è riuscito a trovare il modo di guarire i malati di leucemia, chi ha dedicato la vita allo studio del funzionamento dei nostri neuroni, chi ha introdotto nuove terapie per i tumori solidi, chi ha rigenerato la pele di un bambino con una rara malattia genetica partendo da cellule staminali, chi è sulla frontiera della genetica molecolare; l’elenco è troppo lungo per continuare, ma si può ben dire che tutti insieme portano alta la bandiera della ricerca italiana nel mondo. Tutti insieme, hanno scritto una lettera per dire poche, semplici cose: non credete a chi, per la necessità di raggiungere quanti più lettori possibile e accumulare click, va dietro alle finzioni di chi ha bisogno di dimostrare una tesi precostituita, per la propria stessa esistenza o perchè interessato in altri modi. La ricerca e il controllo sui vaccini sono cose troppo serie per lasciarle nelle mani di chi intende finire sui giornali soffiando sulle paure dei cittadini.

Ecco la lettera e le firme.

La salute dei cittadini passa anche attraverso la corretta informazione

Questa affermazione, apparentemente ovvia, è stata ancora una volta contraddetta dalla pubblicazione di notizie, rilanciate in prima pagina da un quotidiano nazionale, che, senza controllare i fatti e la reputazione di chi presume di averli analizzati sperimentalmente, ha recentemente sollevato il caso di una presunta non conformità di alcuni lotti vaccinali. Senza alcun rispetto per i lettori ha dato credito ad analisi che, per quanto finora trapelato, non hanno nulla di scientifico, trasparente, riproducibile.

Senza che la comunità scientifica nazionale ed internazionale abbia potuto esaminare altro che un povero documento prodotto da una sedicente associazione free-vax, è stata data la falsa notizia che alcuni campioni esaminati sarebbero privi della componente attiva, vale a dire degli antigeni immunogenici, mentre invece risulterebbero contaminati da composti di ogni genere, tra cui molti tossici. Il tutto, come già denunciato da diversi esponenti di assoluto rilievo della comunità scientifica nazionale ed internazionale, sulla base di una procedura sperimentale fallata e senza che i risultati siano stati sottoposti a nessuna revisione da parte di riviste scientifiche di rispetto internazionale. Inoltre non si tiene conto che il vaccino induce una forte risposta immunitaria contro l’antigene, come risulta dai milioni di persone vaccinate.

Di particolare gravità appare la presa di posizione del presidente dell’ordine nazionale dei biologi, che ha ritenuto di cofinanziare le “ricerche” dell’associazione per la “libertà di vaccinazione” CORVELVA – si ignora sulla base di quali credenziali, in quali laboratori, e con quali garanzie circa le reali capacità scientifiche della stessa – per poi rilanciarne i presunti risultati attraverso la stampa, ignorando da una parte le complesse procedure di analisi di qualità dei lotti vaccinali, che eccedono di gran lunga le capacità improvvisate di laboratori senza esperienza, e dall’altra l’intera comunità scientifica nazionale, che avrebbe potuto esercitare quella necessaria revisione critica e indipendente dei risultati prima della creazione di un inutile allarme pubblico, come prevedono la buona pratica scientifica e l’integrità nella ricerca accademica, ma anche la deontologia e l’etica pubblica.

Con questa lettera intendiamo esprimere la più ferma disapprovazione e condanna per quella che appare un’operazione volta a confondere l’opinione pubblica e instillare pericolosi allarmismi, utilizzando come leva documenti pubblicati in rete che sono fondati su metodi irrimediabilmente inidonei e che traggono conclusioni scientificamente infondate. Riteniamo per parte nostra doveroso riaffermare i principi metodologici della ricerca scientifica, che poggia innanzitutto su procedure e controlli convalidati e accurati, pubblicate su giornali scientifici di valore e non su pseudo-ricerche pubblicate in Internet. Invitiamo l’opinione pubblica a diffidare di ricerche fai da te, da chiunque siano rilanciate, quando non sia chiaramente disponibile l’evidenza sperimentale inoppugnabile necessaria per supportare affermazioni così eccezionali.

FIRMANO QUESTA LETTERA:

Massimiliano Agostini, Università di Roma 2
Adriano Aguzzi, University Hospital, Zurigo, Svizzera
Liliana Alberghina, Università di Bicocca, Milano
Ivano Amelio, MRC, Cambridge, UK
Sabastiano Ando’, Università di della Calabria, Cosenza
Giovanni Antonini, Università di Roma 3
Paolo Arosio, Università di Brescia
Ettore Appella, NCI, NIH, Bethesda, MD, USA
Paolo Ascierto, Istituto Pascale, Napoli
Giacinto Bagetta, Università di della Calabria, Cosenza
Cosima Baldari, Università di Siena
Antonio Baldini, Università di Napoli, CNR
Andrea Ballabio, TIGEM, Napoli
Fabrizio Barbetti, Università di Roma 2
Roberto Bassi, Università di Verona, Accademia dei Lincei
Andrea Battistoni, Università di Roma 2
Alfonso Bellacosa, Fox Chase Cancer Center, Philadelphia, PA, USA
Fabio Benfenati, Università di Genova
Sergio Bernardini, Università di Roma 2
Francesca Bernassola, Università di Roma 2
Silvia Biocca, Università di Roma 2
Martino Bolognesi, Università di Milano
Elena Bonanno, Università di Roma 2
Massimo Bottini, Università di Roma 2
Maurizio Brunori, Accademia dei Lincei
Enrico Bucci, Temple University, PA, USA
Roberto Burioni, Università Vita-Salute S. Raffaele
Federico Bussolino, Università di Torino
Raffaele Calogero, Università di Torino
Elena Campione, Università di Roma 2
Eleonora Candi, Università di Roma 2
Maurizio Casiraghi, Universita’ Bicocca, Milano
Antonino Cattaneo, Scuola Normale Superiore, Pisa
Melania Capasso, DZNE, Bonn, Germania
Ernesto Carafoli, Università di Padova, Accademia dei Lincei
Francesco Cecconi, Università di Roma 2
Giovanna Chimini, Centre d’Immunologie de Marseille-Luminy, Francia
Claudio Ciavatta, Università di Bologna
Daniel Cicero, Università di Roma 2
Gennaro Ciliberto, Istituto Regina Elena, IFO, Roma
Maria Rosa Ciriolo, Università di Roma 2
Massimo Coletta, Università di Roma 2
Gianluigi Condorelli, Università Humanitas, Milano
Pellegrino Conte, Università di Palermo
Tiziana Corasaniti, Università di Catanzaro
Gilberto Corbellini, Università di Roma 1
Claudio Cortese, Università di Roma 2
Andrea Cossarizza, Università di Modena e Reggio Emilia
Giulio Cossu, University of Manchester, UK
Paolo Costantino, Università di Roma 1, Accademia dei Lincei
Carlo Croce, Columbus, Ohio State University, OH, USA
Francesca Cutruzzola’, Università di Roma 1
Vincenzo D’Angiolella, MRC, Oxford, UK
Nadia D’Ambrosi, Università di Roma 2
Mauro Degli Esposti, IIT Genova, Universidad National, Mexico
Vincenzo De Laurenzi, Università di Chieti
Michele De Luca, Università di Modena e Reggio Emilia
Giannino Del Sal, Università di Trieste
Alessandro Desideri, Università di Roma 2
Pier Paolo Di Fiore, Università di Milano, IEO, Milano
Arturo Di Girolamo, ASL2 Abruzzo
Salvo Di Grazia, Università di Padova
Almerinda Di Venere, Università di Roma 2
Franca Esposito, Università di Napoli
Mattia Falconi, Università di Roma 2
Marco Ferrari, Università di L’Aquila
Giuseppe Filomeni, Università di Roma 2
Alessandro Finazzi-Agro’, Università di Roma 2
Marco Foiani, Università di Milano, FIRC Institute
Elisabetta Franco, Università di Roma 2
Guido Forni, Accademia dei Lincei
Guido Franzoso, Imperial College London, UK.
Lorenzo Galluzzi, Weill Cornell Medical College, New York, NY, USA
Valeria Gasperi, Università di Roma 2
Ermanno Gherardi, Università di Pavia
Stefano Gianni, Università di Roma 1
Gianfranco Gilardi, Università di Torino
Antonio Giordano, Temple University, PA, USA
Elena Giulotto, Università di Pavia
Andrea Grignolio, Università Vita-Salute S. Raffaele, CNR-ITB
Pier Luigi Lopalco, Università di Pisa
Fabrizio Loreni, Università di Roma 2
Andrea Lunardi, Università di Trento
Mauro Maccarrone, Università di Roma Campus-Biomedico
Beatrice Macchi, Università di Roma 2
Francesco Malatesta, Università di Roma 1
Alberto Mantovani, Università Humanitas, Milano
Roberto Mantovani, Università di Milano
Gennaro Marino, Università di Napoli, Accademia dei Lincei
Giovanni Martelli, Accademia dei Lincei
Mina Massaro Giordano, University Pennsylvania, PA, USA
Antonio Mastino, Università di Messina, CNR
Maria G. Masucci, Karolinska Institut, Stoccolma, Svezia
Alessandro Mauriello, Università di Roma 2
Enzo Medico, Università di Torino
Gerry Melino, Università di Roma 2, MRC Cambridge, UK
Sonia Melino, Università di Roma 2
Cesare Montecucco, Università di Padova
Maria Morello, Università di Roma 2
Lorenzo Moretta, Ospedale Bambino Gesù, Roma
Blasco Morozzo, Università di Roma 2
Gianni Musci, Università di Campobasso
Pierluigi Nicotera, DZNE, Bonn, Germania
Giuseppe Novelli, Università di Roma 2
Carlo Nucci, Università di Roma 2
Eristanna Palazzolo, Università di Palermo
Angelo Peschiaroli, CNR, Roma
Mauro Piacentini, Università di Roma 2
Telmo Pievani, Università di Padova
Guido Rasi, European Medicines Agency, Londra, UK
Giovanni Rezza, ISS, Roma
Carlo Riccardi, Università di Perugia
Giorgio Ricci, Università di Roma 2
Walter Ricciardi, Università Cattolica Roma
Nicola Rosato, Università di Roma 2
Luisa Rossi, Università di Roma 2
Alessandro Rufini, University of Leicester, UK
Paolo Salomoni, DZNE, Bonn, Germania
Paolo Sassone-Corsi, University of California, Irvine, CA, USA
Isabella Savini, Università di Roma 2
Orazio Schillaci, Università di Roma 2
Luca Scorrano, Università di Padova
Giuseppe Sica, Università di Roma 2
Guido Silvestri, Emory University
Paola Sinibaldi-Vallebona, Università di Roma 2
Silvia Soddu, Istituto Regina Elena, IFO, Roma
Alessandro Terrinoni, Università di Roma 2
Caterina Turco, Università di Salerno
Antonio Uccelli, Università di Genova
Polo Villari, Università di Roma 1
Lello Zolla, Università di Tuscia, Viterbo


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: